1

Quanti sono stati i morti in Kazachstan? La verità inizia a trapelare…

Mentre ormai si sono spenti i riflettori sull’ “esotico” Kazachstan e la superficiale opinione pubblica internazionale volge il suo sguardo verso nuovi avvenimenti più o meno suadenti o apocalittici, le dimesioni di quanto avvenito tra il 1 e il 8 gennaio di quest’anno nel paese centroasiatico inizia a venire galla in tutta la sua drammaticità.

In una nota dell’agenzia Interfax di sabato veniamo a sapere che “un totale di 225 persone sono state ricoverate negli obitori durante i disordini in Kazakistan. Non si tratta di una voce ma di una dichiarazione uffciale di  Serik Shalabayev, capo del servizio di procura penale della Procura generale della Repubblica del Kazachstan.

Secondo il magistrato che ha sostento  che buona parte delle vittime fossero “terroristi” ci sarebbero stati complessivamente ben 4.578 feriti (di cui 67 sono ncora in rianimazione), il che dimostra quale intensità e vasistà abbiano avuto gli scontri in varie città del paese. Shalabayev ha anche sostenuto che i  casi penali aperti per i disordini sono 546 casi penali tra cui 44 per terrorismo, 34 per disordini di massa e 15 per omicidio.

Non ci sarà da stupirsi che il passare del tempo, quando verranno alla luhe nuovi dettagli, verrano fatti i processi e si potrà contare su testimonianze orali di quanto accaduto, che emergerà su quelle giornate una verità diversa e lontana da quella non solo raccontata dall’autorità kazake ma anche da quella dei massmedia, sempre veloci a passare a un altro tema quando si tratta di lotte di lavoratori e di oppressi.